A RIETI DA GIOVEDI’ 29 AGOSTO A DOMENICA 1 SETTEMBRE A RIETI CUORE PICCANTE UN PROGRAMMA INTERNAZIONALE PRODOTTI DA TUTTO IL MONDO PER LA TERZA EDIZIONE DELLA FIERA MONDIALE DEL PEPERONCINO

Si scaldano i motori per la terza edizione di “Rieti Cuore Piccante”, Fiera Campionaria Mondiale del Peperoncino. Le principali piazze e le vie del centro storico della suggestiva città laziale si preparano a ospitare gli eventi che caratterizzeranno quello che è a tutti gli effetti uno degli eventi gastronomici più attesi dell’anno. Una manifestazione sempre più internazionale come testimonia la presenza di Ghana, Honduras, Messico e Sri Lanka, Paesi ospiti dell’edizione 2013, ognuno dei quali avrà a disposizione uno stand dove sarà possibile raccogliere informazioni e degustare prodotti di queste magnifiche terre.

“Sin dall’esordio nel 2011 – spiega Stefano Colantoni, Presidente dell’Associazione organizzatrice dell’evento – abbiamo voluto che “Rieti Cuore Piccante” avesse un respiro internazionale, in quanto si tratta di una fiera mondiale, l’unica interamente dedicata al peperoncino, alimento amato e apprezzato in tutti i continenti”.

Un appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati dell’oro rosso della tavola che a Rieti, da giovedì 29 agosto a domenica 1 settembre, potranno godere di una full immersion tra gli oltre 100 stand espositivi dove sarà possibile degustare e raccogliere informazioni sul prezioso capsicum e, soprattutto, visitare una mostra unica al mondo che raccoglie oltre 1000 varietà di peperoncino provenienti da ogni angolo del pianeta. Da quelli più comuni ai più rari ed esotici, in un viaggio fatto di colori, profumi e sapori.

Ma i 4 giorni di “Rieti Cuore Piccante” offriranno spazio anche a musica, spettacolo, arte e scienza. Fittissimo il programma degli eventi dove, intorno al Palazzo Papale, centro pulsante della manifestazione, si snoderà un percorso fatto di concerti, perfomances artistiche, installazioni di arte urbana interattiva, presentazioni di libri, convegni e show cooking.

“E’ chiaro che le migliaia di visitatori hanno come obiettivo principale quello di assaggiare le tante varietà di peperoncini presenti – conclude Colantoni – ma l’organizzazione ha voluto ancora una volta compiere uno sforzo importante per fare della manifestazione un evento certamente divertente ma anche con un forte connotato culturale”.

D’altra parte “Rieti Cuore Piccante” ha ormai assunto un ruolo fondamentale su tutti i vari aspetti che concernono il peperoncino. Al punto che le giornate di Rieti offriranno anche l’occasione di tracciare un bilancio dell’ultimo anno di attività svolta dall’associazione sia per quello che riguarda i risultati delle ricerche portate avanti in collaborazione con prestigiose Università, sia sul versante squisitamente normativo, concernente l’insediamento di uno specifico tavolo di filiera presso il Ministero delle Politiche Agricole.

E intanto godiamoci il primato di Rieti, per quattro giorni paradiso del peperoncino con le sue mille varietà tutte da scoprire: dal nostrano Diavolicchio al celebrato Habanero, dallo storico Cayenna all’esotico Thai, fino al micidiale Naga Jolokia che, con il suo milione di gradi nella scala Scoville, risulta ai primissimi nella classifica dei più piccanti al mondo. Un viaggio indimenticabile tra stands dove sarà possibile degustare e acquistare il top della produzione mondiale.

“Rieti Cuore Piccante” è organizzata dalla associazione “Peperoncino a Rieti” con la collaborazione dell’Accademia Nazionale del Peperoncino, dell’Ambasciata del Messico, degli enti locali, della Regione Lazio e del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.